5 incredibili cose che non sapevi sulla Mortadella Bologna

5 incredibili cose che non sapevi sulla Mortadella Bologna

Un sapore e un profumo inconfondibile, la Mortadella Bologna è senza dubbio il più famoso prodotto gastronomico della tradizione emiliana-romagnola. Ma sei sicuro di sapere davvero tutto? Ti sveliamo 5 curiosità per conoscerla meglio

Un sapore delicato e un profumo esplosivo da far venire l’acquolina in bocca, la Mortadella Bologna IGP è sicuramente uno dei salumi più antichi e più apprezzati. E’ anche tra i prodotti gastronomici della tradizione emiliana-romagnola più famosi nel mondo, tanto che all’estero è conosciuta semplicemente come “Bologna”.

A differenza di quanto siamo portati a credere, una volta la mortadella era un prodotto che solo nobili e ricchi borghesi potevano permettersi. I costi della materia prima erano, infatti, alti e il tempo di preparazione abbastanza lungo richiedeva il lavoro di artigiani altamente specializzati. In seguito, con lo sviluppo dell’industria salumiera intorno all’800, è diventato un alimento più economico ed accessibile: tutti oggi possono permettersi un bel panino con la Mortadella Bologna!

Si produce esclusivamente nelle province di Emilia Romagna, Piemonte, Lombardia, Veneto, Toscana, Marche, Lazio e provincia di Trento. Alla Mortadella Bologna possono essere anche aggiunti i pistacchi. Nel Nord Italia e nel bolognese si preferisce la versione senza, mentre a Roma, nel centro e sud Italia la nota verde dei pistacchi è un must irrinunciabile.

È un prodotto IGP (indicazione di Origine Protetta) dal 1998, mentre il Consorzio Mortadella Bologna, è stato costituito nel 2001, con lo scopo di tutelare e la valorizzare questo fantastico salume.

Ecco le 5 curiosità che forse sapevi o forse no

1 – La prima ricetta ufficiale risale al 1557

Le origini geografiche della mortadella sono identificate nel territorio dell’antica città etrusca di Felsina, l’attuale Bologna. Il nome mortadella risalirebbe, invece, agli antichi romani e deriverebbe dal termine “mortarium”. Il mortaio veniva utilizzato per schiacciare la carne di maiale. Altri, invece, fanno riferimento al “farcimen mirtatum”, un insaccato suino, sempre di epoca romana, preparato nel mortaio e aromatizzato con bacche di mirto.
Secondo numerose fonti il papà della mortadella, cioè colui che ha creato la prima ricetta, sarebbe Cristoforo di Messisbugo. Era un cuoco, che lavorava presso la corte d’Este, e autore di uno dei primi trattati di gastronomia, “Libro novo nel qual si insegna a far d’ogni sorte di vivanda”, scritto nel 1557. Nel libro spiega, infatti, tutte le fasi di lavorazione e preparazione della mortadella, elencandone gli ingredienti che la compongono.

2 – Si può mangiare anche in gravidanza

La caratteristica principale che distingue la mortadella da tutti gli altri salumi è la cottura, quindi può essere mangiata anche in gravidanza senza il pericolo di contrarre la toxoplasmosi. La mortadella ha una produzione davvero unica e le carni usate sono attentamente selezionate. La parte magra, di colore rosa, è ottenuta dalla spalla, mentre per i lardelli, di colore bianco, si utilizza la parte più grassa del maiale, il “grasso di gola”.  A questo punto le due componenti vengono impastate con l’aggiunta di sale, pepe e altri aromi naturali, come zucchero e pistacchio. Si procede, poi, all’insaccatura, utilizzando dei budelli naturali o artificiali di dimensioni variabili. Quindi la carne viene cotta all’interno di apposite celle riscaldate. La temperatura all’interno deve raggiungere i 70 gradi e i tempi di cottura vanno da 8 a 26 ore in base alla grandezza. Il prodotto deve essere in seguito sottoposto a docciatura con acqua fredda, prima di scendere a temperature inferiori ai 10 gradi nella fase di raffreddamento vera e propria. Ogni pezzo di mortadella viene quindi tagliato in forma cilindrica o ovale, etichettato e preparato per il confezionamento.

3 – Non è così “grassa” come si pensa

Il salume che sfida la leggerezza: la Mortadella Bologna è, contrariamente a quanto molti pensano, leggera e dietetica come la carne bianca. Se si è sempre stati convinti che la mortadella fosse un alimento da eliminare dalla dieta, bisogna ricredersi. Le tecniche di lavorazione permettono, infatti, di mantenere un adeguato apporto di proteine e grassi. L’apporto di colesterolo è basso e la presenza di sale limitata. Un etto di Mortadella possiede circa 288 calorie, meno di un piatto di pasta e le stesse calorie della mozzarella fior di latte, e soltanto circa 70 mg di colesterolo, gli stessi di una spigola o di una fettina di pollo. Se vi viene voglia di uno spuntino appetitoso non rinunciateci, 40 g di mortadella hanno le stesse calorie di un vasetto di yogurt intero alla frutta. 

4 – Un segreto custodito con astuzia

La storia della mortadella di Bologna è anche una storia di intrighi e di misteri. Nel 1706 un missionario dominicano francese, Jean-Baptiste Labat, passò a Bologna prima di tornare in Francia e, dopo aver assaggiato la mortadella, tentò di scoprire i metodi e gli ingredienti utilizzati nella preparazione, interrogando molti cittadini. I bolognesi erano così gelosi del proprio prodotto che, pur di difenderlo, raccontarono a Padre Labat tantissime frottole. Chi gli raccontava che fosse preparata con carne di manzo, chi invece gli svelava che in realtà veniva usata quella di cinghiale. La bugia più grossa arrivò da alcuni burloni che fecero finta di svelargli il vero segreto, ovvero che la mortadella venisse prodotta con la carne di asinelli appena nati.

5 – I maggiori consumatori di Mortadella sono in Brasile

In Brasile esiste una mortadella sudamericana (Italian Sunding) che imita la nostra Mortadella Bologna IGP. I brasiliani adorano la “mortadela” e la mangiano di frequente. Al famoso Mercato Municipale di San Paolo ci sono dei chioschetti che vendono “Sanduíche de mortadela“,  panini stracolmi di mortadella, dove nel sandwich vengono messi anche 300 g di Bologna locale. Purtroppo il Brasile ha addirittura brevettato il marchio “Bologna” per la sua mortadella sudamericana e il nostro Consorzio di tutela ha perso la battaglia avviata in tribunale per riconquistare un nome legato da sempre a territorio e tradizioni secolari emiliane.

Sanduíche-de-mortadela-brasil-brasilian-sandwich-bologna-mercadao-mortadella-brasiliana


Ti potrebbe interessare: 5 incredibili cose che non sapevi sulla Burrata di Andria

In qualunque modo si decide di gustarla, la Mortadella Bologna IGP darà ai piatti un sapore particolare perchè è molto versatile. Il consiglio è di mangiarla a fette sul pane o a cubetti per un aperitivo sfizioso; è ideale come merenda  per i più piccoli.

Può essere accompagnata da un Barbera o un Lambrusco, o ancora da un vino spumante, come un Franciacorta, con la particolare effervescenza che si accosta bene alla grassezza del salume.

La Mortadella Bologna IGP è, inoltre, protagonista di due importanti eventi, il “Mortadella, please“,  Festival Internazionale della Mortadella, che si tiene a Zola Predosa, vicino Bologna, e “MortadellaBò”, che coinvolge tutti i produttori che fanno parte del consorzio e si tiene in Piazza Maggiore a Bologna.


Ti potrebbe interessare: Scopri la classifica dei 13 Paesi dove esportiamo di più i nostri prodotti DOP IGP